Lia Stein, la poliedrica artista che da tempo è affezionata cliente di Spazio81, non si ferma mai: dopo aver partecipato nei mesi passati a tutti i più importanti appuntamenti italiani e non solo con la grande fotografia, è volata a Parigi per presentare al FOTOFEVER 2017 il suo suggestivo progetto "PIANETA TERRA", col quale esplora quanto di più "terreno" abita il nostro splendido pianeta: il mondo minerale.
Le sue immagini, stampate nel nostro atelier con la più raffinata delle tecniche digitali, la Fine-Art Giclèe, sulla più "vitale" delle superfici, la carta cotone, e montate su Leger da quattro centimetri con bordo nero opaco, sono state dunque esposte dal 10 al 12 novembre al Carrousel du Louvre di Parigi.

LIA STEIN INVITO

Il FOTOFEVER, che si svolge da sei anni  a pochi passi dal museo più visitato al mondo, è la fiera di fotografia che affianca l'ammiraglia Paris Photo, e ad ogni edizione attira sempre più visitatori e collezionisti da ogni parte del mondo. È la vetrina ideale per chi, come Lia Stein, è impegnata in una inesausta ricerca artistica improntata alla versatilità e all'esplorazione di sempre nuovi linguaggi per comunicare il suo modo personalissimo di vedere e di sentire il mondo che la circonda.
«La fotografia è il mio linguaggio per esprimere le emozioni che provo ed è meraviglioso quando la persona che le guarda "vede" esattamente quello che "sento". È un attimo di condivisione emozionante, un attimo che da senso a quello che ho realizzato», confida l'artista, la cui poliedricità l'ha portata a misurarsi con sfide sempre diverse, dalla moda alla natura, dal reportage al ritratto, sempre in modo estremamente personale e mai scontato.

lia stein pianeta terra1
Le immagini di PIANETA TERRA presentate dall'artista a FOTOFEVER, come ha scritto il critico Roberto Mutti... «Non possono essere semplicemente osservate ma per essere apprezzate richiedono una particolare attenzione. L'autrice ci pone di fronte a fotografie cariche di uno strano senso del mistero: ciò è dovuto alla ripresa frontale che isola il soggetto dal suo contesto e lo trasforma in una grandiosa area all'interno della quale l'insieme e i particolari perdono il senso delle loro dimensioni come se si librassero nello spazio».

PIANETA TERRA 3 1G4A9376 ph Lia Stein
«La luce scivola sulle superfici su cui si aprono quelle che sembrano ferite; il bianco, il nero, l'ocra, il grigio si inseguono creando venature così insolite che forse potrebbero abitare altri mondi lontani dal nostro pianeta e per questo essere ancora più affascinanti. Ma è dalle linee nette delle fenditure create, lo si intuisce, da una macchina capace di tagliare, levigare, segare, che si comprende di essere di fronte alle pareti di una cava. Chi pensa che il mondo minerale sia inanimato qui trova innumerevoli prove del contrario: le intrusioni, le ossidazioni, i cromatismi conservano le tracce di antichissimi sommovimenti, di formidabili compressioni, di straordinari e spaventosi spostamenti di masse avvenuti forse quando ancora l'uomo non abitava la Terra che ora osserva, modifica, trasforma...».

lia stein pianeta terra3
Per documentare lo straordinario lavoro di questa fotografa-artista che da sempre si muove su un doppio binario, quello del lavoro su commissione e quello della ricerca personale, la squadra di Spazio81 si occupa anche di realizzare i cataloghi, le brochure di presentazione e magnifiche cartoline su elegante carta Splendor Gel Extra White, un materiale che grazie al suo bianco puro è in grado di esaltare ogni più minuto dettaglio.

 

 

 

popupestate2k19.jpg